Ti è mai capitato di lavorare a fianco di altri cristiani per portare a termine un compito che il Signore aveva stabilito per te e poi, apparentemente dal nulla, ti sei ritrovato a completare l’opera da solo? Le tue comodità spirituali sono mai state eclissate dalla perdita di un aiutante?

Nei suoi ultimi giorni Paolo raccontò a Timoteo della sua solitudine: Cerca di venir presto da me, perché Dema, avendo amato questo mondo, mi ha lasciato e se n’è andato a Tessalonica. Crescente è andato in Galazia, Tito in Dalmazia (2 Timoteo 4:9-10). Anche Henry Francis Lyte ha sofferto questo tipo di abbandono e vi ha fatto riferimento nel suo famoso inno Abide With Me:

 

Resta con me! Veloce scende la sera;
L’oscurità si addensa; Signore, resta con me.
Quando l’aiuto degli altri viene meno, e il conforto svanisce,
Soccorritore dei deboli, o resta con me.

Rapido verso la sua fine, declina il breve giorno della vita;
Le gioie della terra si affievoliscono; le sue glorie passano via;
Cambia e declina tutto ciò che vedo intorno;
O Tu che non cambi, resta con me.

Non chiedo uno sguardo sfuggente, o una parola che passa;
Ma come Tu hai dimorato con i Tuoi discepoli, Signore –
amico intimo, comprensivo, paziente, confidenziale –
Vieni non a visitarmi, ma a rimanere con me.

Vieni non con il terrore, come il Re dei re,
Ma buono e benigno, con la guarigione nelle Tue ali,
Con lacrime per tutti i dolori, con un cuore per ogni supplica
Vieni, amico dei peccatori, e perciò resta con me.

Nei miei pensieri Tu sorridevi durante la mia giovinezza
E, anche se, nel frattempo ribelle e perverso,
Tu non mi hai lasciato, così spesso come io ho lasciato Te
Verso la fine, O Signore: resta con me.

Ho bisogno della Tua presenza ogni ora che passa.
Cos’altro se non la Tua grazia può sventare la potenza del tentatore?
Chi come Te può essere la mia guida e il mio sostegno?
Con le nuvole e col sole, Signore, resta con me.

Non temo il nemico, con te che sei pronto a benedire;
I mali non pesano, e le lacrime non sono amare.
Dov’è il dardo della morte? Dove, o tomba, la tua vittoria?
Io trionfo ancora, se Tu resta con me.

Tieni la Tua croce davanti ai miei occhi che si chiudono;
Splendi nell’oscurità e indirizzami verso i cieli.
Irrompe la mattina del cielo, e fuggono le vane ombre della terra;
In vita, in morte, O Signore, resta con me.

Lyte nacque in Scozia ed entrò nel ministero in giovane età. Il suo primo pastorato fu in Irlanda, a circa sette miglia da Wexford. Descrisse così quel posto: “lontano dalle città, in una solitudine quasi perfetta, dedicandomi ai doveri della mia situazione, scrivendo i miei sermoni, visitando i miei malati, catechizzando i miei bambini, senza altri compagni che il mio flauto, la mia penna e i miei libri

Lyte affrontò un periodo particolarmente difficile del suo ministero. Non molto tempo dopo, prese la penna e scrisse Abide With Me, in parte pensando al suo stato di solitudine. Anni dopo la sua morte, un uomo che in precedenza era stato membro del suo coro a Brixham spiegò cosa era successo. Egli disse:

Io e un’altra dozzina di persone eravamo membri del coro, che ora sono tutti morti. Eravamo profondamente legati al signor Lyte. Aveva l’espressione più gentile e il modo di fare più accattivante possibile, eppure suppongo che gli abbiamo causato più dolore di tutte le sue prove di salute. Abbiamo lasciato il suo coro e rinunciato a insegnare nella sua Scuola Domenicale e, anche se probabilmente farei la stessa cosa domani in circostanze simili, mi dà una sensazione di intensa tristezza anche adesso quando ci penso. Ecco come è andata a finire. Poco prima che ci lasciasse per andare in Francia, dove si sperava che il clima avrebbe giovato alla sua salute, alcuni influenti membri dei Fratelli di Plymouth visitarono Brixham e convinsero alcuni di noi a unirsi a loro. Dopo aver riflettuto a lungo, ci recammo in massa dal signor Lyte e gli comunicammo la nostra intenzione di lasciare la sua chiesa. Lui l’ha presa con molta calma, anche se praticamente costituivamo tutto il suo coro, e ha detto che nulla sarebbe stato più lontano dai suoi pensieri che mettersi tra noi e le nostre coscienze. Ci chiese di riflettere seriamente sulla questione e di tornare da lui tra qualche giorno. Lo facemmo, ma la nostra decisione rimase inalterata. Lo lasciammo e non entrammo mai più nella sua chiesa. Quando venne scritto “Abide with me”, ognuno di noi ne ricevette una copia e allora ci rendemmo conto, forse più di chiunque altro, del vero significato di quelle parole. Quando gli altri soccorritori vengono meno e i conforti fuggono, Aiuto dell’indifeso, resta con me”.

I tuoi aiutanti sono venuti meno? Le tue comodità sono venute meno? Indipendentemente dalle ragioni che possono sembrare alla base di questo abbandono, sappiate che, cari fratelli, è per il vostro bene. Infatti, quando siamo privati di quegli aiutanti che ci sono diventati così cari, è allora che l’Aiuto diventa più caro. Riesci a vedere la benedizione della tua perdita? Il tuo Padre celeste sta lavorando per il tuo bene perché tu sei suo e il suo amore per te è costante. Samuel Rutherford disse: “Se tu non fossi il grano di Cristo, destinato a diventare pane nella sua casa, Egli non ti macinerebbe“. Quando le tue comodità fuggono, fuggi anche tu; non per cercare di riprenderti quegli aiuti fugaci, ma per fuggire verso l’unico eterno Aiuto degli indifesi. Egli rimarrà con te. Ecco, il tuo Aiuto sta alla porta e bussa; se qualcuno ascolta la sua voce e apre la porta, egli entrerà da lui e pranzerà con lui.