Richard Baxter nacque a Rowton, nello Shropshire, in Inghilterra, il 12 novembre 1615. Servì fedelmente il gregge su cui Dio lo pose a Kidderminster. Baxter soffrì di una struttura corporea fragile per gran parte della sua vita e spesso sembrava un miracolo che la sua vita si prolungasse anno dopo anno. Una volta disse: “La debolezza e il dolore mi hanno aiutato a studiare come morire; questo mi ha spinto a studiare come vivere“. Verso la fine della sua vita, quando le sue infermità aumentavano, l’intensità del dolore lo costringeva a volte a pregare che la morte arrivasse rapidamente, ma poi si conteneva e diceva: “Non sta a me prescrivere: quando vuoi, cosa vuoi o come vuoi“. Mezzo secolo dopo Isaac Watts ricordò le parole di Baxter e disse: “È bene dire, come fece il signor Baxter, ‘Cosa, quando e dove Dio vuole‘”.

Uno degli inni scelti da Baxter si chiama “Christ Leads Me Through No Darker Rooms“. Si tratta di un inno semplice, di 4 strofe, che parla del conforto che i cristiani hanno in mezzo alla valle dell’ombra, sapendo che Cristo l’ha percorsa per primo. Scrisse questo inno perché coloro che erano sotto la sua tutela avevano bisogno di questo promemoria, ma anche perché lui stesso aveva alcune stanze buie da attraversare. Anche lui aveva bisogno di ricordare che Cristo non lo avrebbe mandato in nessuna stanza buia in cui non fosse passato prima.

Il ministero di Richard Baxter non fu caratterizzato solo dalla gioia della fecondità nel suo campo di servizio, ma anche dalla fedeltà in mezzo alle persecuzioni. Nel maggio del 1662 il re d’Inghilterra appose il suo sigillo di approvazione sull’Atto di Conformità che obbligava tutto il clero della Chiesa d’Inghilterra a dichiarare il pieno assenso e la sottomissione a tutto ciò che era contenuto nel Libro delle Preghiere Comuni. Baxter fu tra i duemila ministri devoti che affrontarono la persecuzione per amore della coscienza.

Successivamente, vennero approvati il Conventicle Act e il Five Mile Act, nel tentativo di inscatolare ulteriormente i non-conformisti spingendoli in un ulteriore rischio legale se non avessero obbedito ai disegni dello Stato. Sebbene Baxter si sottomettesse alla legge per quanto gli era possibile senza violare la sua coscienza, non passò molto tempo prima che venisse emesso un mandato di arresto e che venisse rinchiuso per sei mesi nella prigione di Clerkenwell.

Cinque anni dopo fu nuovamente arrestato per aver predicato. I suoi beni gli furono sottratti e venduti, “fino al letto su cui giaceva malato“. I suoi accusatori trovarono diversi commenti nella sua opera, Parafrasi sul Nuovo Testamento, che secondo loro giustificavano l’accusa di sedizione. Fu convocato per il processo davanti al famoso Jeffries. Il caso di Baxter diede al giudice l’opportunità di dare sfogo al suo odio per Baxter e per tutti i non conformisti. Egli scatenò la sua rabbia e la sua ira sul capo di Baxter, che era ormai un uomo anziano.

Dopo avergli dato della canaglia, del mascalzone, della vecchia testa di legno, dell’infame ingrato e altri appellativi pieni di odio, Baxter si azzardò a dire una parola di spiegazione. Jeffries lo interruppe e ruggì: “Richard, Richard, pensi che ti ascolteremo avvelenare la corte? Richard, sei un vecchio, un vecchio furfante; hai scritto libri sufficienti a caricare un carro, tutti pieni di sedizione, potrei dire di tradimento, come un uovo è pieno di carne. Se fossi stato cacciato dal mestiere quarant’anni fa, saresti stato felice. Su, cosa dici per te stesso, vecchio fannullone? Parla“.

A questo vergognoso sproloquio, Baxter rispose docilmente: “Queste cose saranno capite un giorno” e, alzando gli occhi al cielo, aggiunse: “Non mi interessa rispondere a queste cose, ma sono pronto a produrre i miei scritti per confutare tutto questo; e la mia vita e la mia conversazione sono note a molti in questa nazione“.

Baxter fu dichiarato colpevole e confinato per due anni nelle buie celle di una prigione. Tuttavia, in tutto questo, Baxter si rallegrò e si affidò alla sovranità e alla bontà del suo Dio. Chi sa che questo mondo non è la sua casa non è turbato quando gli vengono tolte le comodità temporanee. Coloro che fanno tesoro del Vangelo e amano Cristo sanno che “Cristo non li conduce per stanze più oscure di quelle che ha attraversato prima; e chi viene nel regno di Dio deve entrare per questa porta“. In Giovanni 16:33 leggiamo le parole di Cristo ai suoi discepoli: “Vi ho detto queste cose perché abbiate pace in me. Nel mondo avrete tribolazioni. Ma fatevi coraggio: io ho vinto il mondo“. Nella sua Parafrasi del Nuovo Testamento, Baxter scrisse questo a proposito di Giovanni 16:33: “Vi ho detto ciò che vi accadrà in seguito, affinché, sebbene siate addolorati per la mia partenza, possiate trarre la vostra pace e la vostra gioia dalla certezza di ciò che farò per voi dopo la mia risurrezione. Avrete tribolazioni per la carne nel mondo: Ma non lasciarti sgomentare, ma consolati in me, che ho vinto il mondo, anche le sue lusinghiere tentazioni e le sue maligne persecuzioni. E la mia vittoria è virtualmente vostra, che vincerete per la mia intercessione, il mio Spirito e la mia grazia“.