La maggior parte di noi conosce l’eroica dichiarazione di Martin Lutero alla Dieta di Worms, quando gli fu chiesto di ritrattare.

 

A meno che non sia convinto dalla Sacra Scrittura o da una ragione evidente, non posso abiurare, perché la mia coscienza è tenuta prigioniera dalla Parola di Dio e agire contro la coscienza non è né giusto né sicuro. Sono qui. Non posso fare altro. Dio mi aiuti.

 

Oggi, raramente sentiamo parlare di coscienza. Eppure, nel corso della storia della Chiesa, i migliori pensatori cristiani hanno parlato regolarmente della coscienza. Tommaso d’Aquino diceva che la coscienza è la voce interiore data da Dio che ci accusa o ci scusa per ciò che facciamo. Giovanni Calvino parlava del “senso divino” che Dio mette in ogni persona, e parte di questo senso divino è la coscienza. E quando ci rivolgiamo alle Scritture, scopriamo che la nostra coscienza è un aspetto della rivelazione di Dio per noi.

Quando parliamo di rivelazione di Dio, facciamo una distinzione tra rivelazione generale e rivelazione speciale. La rivelazione speciale si riferisce alle informazioni che ci vengono date nella Parola di Dio. Non tutti al mondo possiedono queste informazioni. Coloro che l’hanno ricevuta hanno avuto il beneficio di ascoltare informazioni specifiche su Dio e sul Suo piano di redenzione.

La rivelazione generale si riferisce alla rivelazione che Dio dà a ogni essere umano sulla terra. È generale nel senso che non è limitata a nessun gruppo specifico di persone. È globale e si estende a ogni essere umano. Il pubblico è generale e anche le informazioni fornite sono generali. Non ha lo stesso livello di dettaglio delle Sacre Scritture.

Nel contesto della rivelazione generale, dobbiamo fare un’ulteriore distinzione tra la rivelazione generale mediata e la rivelazione generale immediata. La rivelazione generale mediata si riferisce alla rivelazione che Dio dà attraverso un mezzo esterno. Il mezzo è la creazione, in cui Dio rivela qualcosa su chi è. Paolo sottolinea in particolare in Romani 1 che la rivelazione generale mediata attraverso la creazione è così chiara che ogni persona sa che Dio esiste e, quindi, non ha scuse.

La rivelazione generale immediata è una rivelazione che viene trasmessa a ogni essere umano senza un mezzo esterno. È interna, non esterna. È la rivelazione che Dio mette nell’anima di ogni persona. Dio rivela la Sua legge nella mente di ogni essere umano piantando una coscienza in ognuno di noi.

Tuttavia, dobbiamo affrontare un problema: la coscienza è fluida. Non è fissa. Quasi tutte le persone aggiustano la propria coscienza tra l’infanzia e l’età adulta e l’aggiustamento è quasi sempre verso il basso. In altre parole, impariamo ad abbassare il volume della nostra coscienza e facciamo gli aggiustamenti necessari affinché la nostra etica sia in linea con il modo in cui vogliamo vivere e non con quello che Dio ci dice di vivere.

Questo non significa che i bambini siano privi di peccato. Anche i bambini piccoli hanno una mente peccaminosa, ma la Bibbia riconosce che il grado di malvagità dei bambini piccoli è tipicamente diverso da quello degli adulti. Così, Paolo dice: “siate pur bambini quanto a malizia, ma quanto al ragionare, siate uomini compiuti” (1 Corinzi 14:20). Egli riconosce che i peccati di un bambino non sono così gravi come quelli delle persone mature. A un certo punto del nostro sviluppo, la gravità dei nostri peccati aumenta. Le nostre coscienze vengono segnate quando iniziamo ad accettare quelle cose che da bambini ritenevamo inaccettabili.

Quasi cinquant’anni fa fu pubblicato un libro bestseller dallo strano titolo: La prostituta felice, scritto da Xaviera Hollander, una prostituta. Hollander cercò di mettere a tacere le persone che ritenevano che nessuna prostituta in America potesse trovare gioia in ciò che faceva. Nel suo libro, Hollander celebra la gioia che provava nella sua professione, affermando di non essersi mai sentita in colpa per quello che faceva. A dire il vero, la Hollander ha raccontato che la prima volta che si è dedicata alla prostituzione ha provato dei sensi di colpa. Ma con il tempo è arrivata al punto di sentirsi in colpa solo quando sentiva suonare le campane della chiesa. Improvvisamente, la sua coscienza fu turbata perché le venne ricordato che ciò che stava facendo era sotto la condanna di Dio Onnipotente. Anche questa prostituta professionista incallita non riuscì a distruggere completamente la coscienza che Dio aveva messo dentro di lei.

Ecco la suprema ironia e la tragedia del peccato: più ripetiamo i nostri peccati, più grande è la colpa in cui incorriamo, ma meno sensibili diventiamo alle pene della colpa nella nostra coscienza. Paolo dice che le persone accumulano ira per se stesse nel giorno dell’ira (Romani 2:5). Si tratta di una colpa oggettiva: sono colpevoli perché hanno infranto la legge di Dio. Ma alcune persone hanno talmente distrutto la loro coscienza che credono che non sia importante quello che fanno, purché sia consensuale e non causi danni. Il loro senso di colpa soggettivo – il senso di colpa che accompagna le azioni sbagliate – diminuisce.

Troviamo nuovi modi per considerare accettabile il comportamento peccaminoso, sia come individui che come cultura. Abbiamo ucciso centinaia di milioni di bambini, strappandoli da un utero. Le persone usano i social media per vantarsi di questa realtà, dicendo quanto sono orgogliose di aver mantenuto la libertà dell’aborto. Ora ci vantiamo del matrimonio tra un uomo e un uomo e tra una donna e una donna, senza vergognarci. Non c’è più molta coscienza collettiva in questo paese.

In romani 1 Paolo ci dice che gli uomini conoscono il giusto giudizio di Dio, e questa conoscenza del giudizio avviene attraverso un’immediata rivelazione generale. Qual è il nadir dell’elenco dei peccati in Romani 1? Paolo dice:

 

Essi, pur conoscendo che secondo i decreti di Dio quelli che fanno tali cose sono degni di morte, non soltanto le fanno, ma anche approvano chi le commette

(Romani 1:32).

 

La parte peggiore dell’accusa di Paolo non è che le persone pratichino queste cose pur conoscendo il giusto giudizio di Dio, ma che approvino anche coloro che le praticano. Quando le persone distruggono la propria coscienza, fanno di tutto per distruggere quella dei loro vicini. Per mettere a tacere la propria coscienza, le persone cercano alleati e fanno proclami del tipo: “Qui stiamo solo combattendo per la libertà, per la libertà di scelta”. Che strategia! “Non sono a favore dell’omicidio, sono a favore della scelta”. Questo è ciò che direbbe il Padrino. “Sono a favore della scelta. Scelgo di uccidere i miei nemici”.

Tuttavia, il nostro scopo nel discutere di queste cose non è quello di lamentarci di quanto sia cattivo il mondo, ma piuttosto di quanto siamo cattivi noi cristiani che facciamo la stessa cosa. Anche noi adattiamo la nostra coscienza per adattarla alla cultura. Cerchiamo di fare tutto ciò che è in nostro potere per giustificare il nostro peccato. Ecco perché è così importante sviluppare una coscienza sensibile alla Parola di Dio. Alla Dieta di Worms, Lutero non disse: “La mia coscienza è prigioniera della mia cultura contemporanea, dell’ultimo sondaggio Gallup e dell’ultimo sondaggio che descrive ciò che fanno tutti gli altri“. Non disse: “La mia coscienza è influenzata dalla Parola di Dio“. In sostanza, ha detto: “Sono in cattività con la Parola di Dio. Ecco perché non posso ritrattare“. Se la sua coscienza non fosse stata prigioniera della Parola di Dio, avrebbe ritrattato immediatamente. Quindi disse: “Agire contro coscienza non è né giusto né sicuro“.

Non vogliamo ascoltare il giudizio della coscienza; vogliamo distruggere il giudizio della coscienza. Questa è la nostra natura. L’unico antidoto è conoscere la mente di Cristo. Abbiamo bisogno di uomini e donne la cui coscienza sia stata catturata dalla Parola di Dio. Ringraziamo Dio per la Sua Parola. Smaschera le bugie che ci raccontiamo per sentirci meglio. L’ultimo giorno non saremo giudicati in base al fatto che ci sentiamo colpevoli, ma in base al fatto che siamo colpevoli. Tuttavia, se ti senti in colpa, ringrazia Dio per questo. Il senso di colpa è il segnale che probabilmente c’è qualcosa di sbagliato. Lo Spirito Santo ci condanna del peccato e con questa convinzione arriva una certa tenera misericordia che ci porta al pentimento e al perdono per poter camminare alla Sua presenza.