Forse non c’è una verità nella Bibbia più profondamente amata e più cara del tema della nuova nascita. Qui c’è il messaggio incentrato sulla grazia di un nuovo inizio per coloro la cui vita è stata rovinata dal peccato. Qui c’è la verità che cambia la vita: gli uomini peccatori possono essere fatti nuovi. Quando la nuova nascita è causata da Dio, le cose vecchie passano via – vecchie pratiche, vecchie voglie, vecchie abitudini, vecchie dipendenze e vecchie associazioni. Ecco, vengono nuove cose – nuovi desideri, nuovi inseguimenti e nuove passioni. Inizia una vita completamente nuova. Niente potrebbe essere più positivo di questo. Non c’è da meravigliarsi che la verità della nuova nascita sia così amata.

Eppure, nonostante il suo grande fascino, la nuova nascita può essere la dottrina più fraintesa delle Scritture. La maggior parte delle persone ingenuamente immagina che ci sia qualcosa che possono fare per far sì che essi nascano di nuovo. Sentono una persona ben intenzionata dire: “Credi e rinasci”, e suppongono di poterlo fare anche loro. Così cercano di sforzarsi per una propria rigenerazione. Ma questo non possono farlo. Nel tentare di farlo, sono come qualcuno che immagina di essersi fatto nascere fisicamente. La verità è che l’iniziativa della nascita è al di fuori di colui che nasce. Egli è semplicemente parte di un processo che è iniziato molto prima che lui venisse al mondo. I suoi genitori hanno agito, poi Dio ha agito. E come risultato, quell’individuo è stato messo al mondo. Non è stato lui a causare la sua nascita.

Lo stesso vale per la nascita spirituale. Se hai sperimentato la nuova nascita, non è perché l’hai iniziata tu. Piuttosto, è stato un evento che Dio ha portato avanti. Più precisamente, non sei nato di nuovo perché hai esercitato la fede. In verità, la nuova nascita ha preceduto la tua fede e l’ha prodotta. La fede salvifica è il frutto della rigenerazione, non la sua radice. L’ordine biblicamente corretto della salvezza – noto nel linguaggio teologico come ordo salutis – non è “Credi e rinasci”, ma l’esatto contrario: “Nascere di nuovo e credere”. Il Dio vivente deve agire sull’anima spiritualmente morta e farla rinascere. La nuova nascita è per scelta divina e iniziativa sovrana. La volontà di Dio influenza la volontà umana, non viceversa. La Scrittura usa intenzionalmente l’immagine della nascita per sottolineare questa verità essenziale della sovranità di Dio nella rigenerazione.

John Murray, uno dei più importanti teologi del ventesimo secolo, affermò l’iniziativa divina nella nuova nascita quando scrisse:

“Per l’ingresso nel regno di Dio dipendiamo interamente dall’azione dello Spirito Santo, un’azione … che è paragonata a quella da parte dei nostri genitori con cui siamo nati nel mondo. Siamo dipendenti dallo Spirito Santo come lo siamo dall’azione dei nostri genitori in relazione alla nostra nascita naturale. Non siamo stati generati da nostro padre perché abbiamo deciso di esserlo. E non siamo nati da nostra madre perché abbiamo deciso di essere. Siamo stati semplicemente generati e siamo nati. Non abbiamo deciso di nascere…. Se questo privilegio è nostro è perché lo ha voluto lo Spirito Santo e qui tutto poggia sulla decisione e sull’azione dello Spirito Santo. Egli genera o partorisce quando e dove vuole”. 

Murray continua a scrivere: “La rigenerazione è l’atto di Dio e di Dio soltanto“. In altre parole, la rigenerazione è monergica, il che significa che “la grazia di Dio è l’unica causa efficiente nell’iniziare ed effettuare la conversione“. La parola chiave qui è solo. Dio è la prima e unica causa dietro la nuova nascita. L’opposto del monergismo è il sinergismo. Quest’ultima parola deriva dalla parola greca synergos, che significa “lavorare insieme”. Secondo la teoria della rigenerazione sinergica, sia la volontà divina che quella umana sono attive, e ciascuna deve cooperare con l’altra.

Ma cosa insegna la Scrittura? Secondo Giacomo 1:18, “Di sua volontà ci ha fatti nascere” – un’affermazione inequivocabilmente monergistica Giovanni 1:12-13 recita: “Tutti quelli che lo hanno ricevuto, che hanno creduto nel suo nome… sono nati non da sangue, né da volontà di carne, né da volontà di uomo, ma da Dio”. Questa visione della nuova nascita non potrebbe essere più monergistica. Giovanni 3:8 dice: “Il vento soffia dove vuole e voi ne sentite il suono, ma non sapete da dove viene né dove va. Così è per chiunque è nato dallo Spirito“. L’uomo non influenza il movimento dello Spirito – Dio lo fa. Primo Pietro 1:3 dice: “Sia benedetto Dio e Padre del nostro Signore Gesù Cristo! Secondo la sua grande misericordia, egli ci ha fatto rinascere a una speranza viva mediante la risurrezione di Gesù Cristo dai morti“. Chiaramente, la rigenerazione è monergistica, l’attività di una sola volontà, cioè la volontà divina.

Nelle ultime epistole del Nuovo Testamento, questa verità della rigenerazione appare con intenzionale regolarità (Giacomo 1:18; 1Giovanni 2:29; 3:9; 4:7; 5:1, 4, 18). Questo è un insegnamento fondamentale all’interno delle dottrine della grazia. Rivela che Dio deve impiantare una nuova vita nella tua anima. Dio deve effettuare un concepimento spirituale dentro di te. Dio deve impregnare il tuo cuore. In breve, Dio deve farvi nascere di nuovo.